Jamila Frigerio: Una Romana giramondo approdata in Qatar/Jamila Frigerio: A Roman Globe-Trotter Landed In Qatar

“Il genere umano si divide in tre classi:
gli inamovibili, quelli che sono mossi, e quelli che muovono”
(Proverbio arabo)

” All mankind is divided into three classes: those that are immovable, those that are movable, and those that move “
(Arabic proverb )

IMG_20151130_083555

Chi l’avrebbe mai detto che in questo viaggio affascinante alla ricerca degli italiani nel mondo mi sarei ritrovata in un posto così particolare e pieno di meraviglia, tanto lontano dalla nostra cultura. Sono arrivata fino al Qatar, grazie ancora una volta a Massimo, il mio prezioso collaboratore (che ci aveva fatto conoscere il suo amico Daniele Beno un romano in Giappone vi ricordate?) per incontrare la sua amica, romana anche lei, che si è trasferita in questo Paese (a questo punto mi chiedo se a Massimo sia rimasto qualche amico a Roma!). Dato che io per prima sono curiosa di ascoltare la sua storia, parto subito con la prima domanda.

Who would have thought that during my journey in search of Italians abroad I would have ended in such a different, culturally distant yet wonderful place on the globe. I made it all the way to Qatar, thanks to Massimo, our precious collaborator ( he introduced us to Daniele Beno, a Roman in Japan, remember? ) who connected us with a friend of his, a Roman who now lives in this great country ( I can’t help but wonder if Massimo has any friends who still live in Rome, at this point ) Since I’m very curious to hear all about her story, I’m just going to jump right into it and get started with my first question.

IMG_20151130_083428

Chi sei? Presentati
Mi chiamo Jamila Frigerio, ho quarantacinque anni, sono sposata con Pier Paolo e ho due figli di quattro e otto anni. Sono laureata in Sociologia e nella mia vita ho sempre viaggiato.

Hi there, who are you? Introduce yourself.
Hi, my name is Jamila Frigerio. I’m 45 years old, I’m married to Pier Paolo and I have two kids, a 4 year old and an 8 year old. I have a degree in Sociology and I’ve been traveling ever since I can remember.

Da dove viene il tuo nome così particolare?
Sono nata in Libia da genitori italiani. Mio padre era archeologo e ha vissuto lì dal 1967 al 1996, anno in cui è morto, con mia madre a Cirene. Quando sono nata ai miei piaceva il nome Jamila che in arabo vuol dire “bella”.

Mio padre lavorava per la missione archeologica italiana di Cirene. Ha ricostruito il tempio di Zeus (più grande del Partenone) e ha vissuto lÌ trent’anni, imparando perfettamente l’arabo e vivendo tra gli arabi. A me e a mia sorella ha insegnato a stare nella cultura che ci ha ospitate a 360º. Mi ha pure mandato a scuola coranica, ma per un anno solo perché scrivevo da destra a sinistra e così hanno scelto l’italiano come prima lingua.

You have such an unusual, gorgeous name. Where does it come from?
I was born in Libya of Italian parents. My father was an archeologist and lived in Cyrene from 1967 to 1996 – the year he passed away – with my mother. When I was born both of my parents loved my name, which means “beautiful” in Arabic.
As I was saying, my father was an archeologist. He worked with the Italian Archaeological Mission in Cyrene. He built the Temple of Zeus ( larger than the Parthenon ). He lived with Arabs for 30 years and spoke flawless Arabic.
He taught me and my sister how to embrace such a different culture, which in turn embraced us from the very beginning.
My dad even sent me to Koranic school but only for a year because I was writing from right to left, so my parents decided Italian was going to be my first language.

Che storia incredibile e affascinante! Mi dispiace della tua perdita, Jamila. Da quanto vivi in Qatar?
Vivo in Qatar da Agosto 2015 ma c’ero già stata due volte prima.

What an amazing, incredible story. I’m so sorry for your loss, Jamila. How long have you been living in Qatar?
I’ve been here since August 2015 but it wasn’t the first time, I came here twice before.

IMG_20160118_144722

Hai scelto tu il Qatar o il Qatar ha scelto te?
No, non ho scelto io il Qatar perché mi piacciono i Paesi freddi e non avrei mai scelto un posto così caldo, ma ha scelto me e dopo sei mesi sono contenta che mi abbia scelto.

Did you choose to live in Qatar or did Qatar choose you?
I didn’t choose to live here as I prefer colder temperatures. I would have never chosen to live in such a hot country, so Qatar chose me, and six months later I’m glad it did.

IMG_20151130_083306

Com’è vivere in un posto dove la tua religione non è quella predominante? Come ti rapporti alle donne con il velo?
Il Qatar è un Paese conservatore, il primo impatto che si ha è quello di scontrarsi con una cultura totalmente differente da quella a cui siamo abituati in Europa. La maggior parte delle donne indossa l’ abaya il velo, gli uomini indossano il thoba , il classico ed elegante vestito bianco lungo con il copricapo. Io personalmente non ho avuto problemi di adattamento, in quanto, avendo vissuto per diciotto anni in Libia, ero già abituata al loro modo di vivere e alla loro cultura. Il Qatar come ho già detto è un Paese molto conservatore rispetto a Dubai, per esempio, ma è anche abbastanza tollerante per quanto riguarda l’abbigliamento occidentale, basta avere un po’ di buon senso e non uscire con minigonne e magliette scollate e nessuno ti dice niente. In Italia entrereste in minigonna e top in una chiesa?

What is it like to live in a country with such a different religious background than yours? How do you relate to women wearing a veil?
Qatar is a very conservative country and it could be overwhelming to deal with such unusual conditions than what we’re used to in Europe. The majority of women wear the abaya while men wear the thobe, a long, traditional elegant white dress and a small cap.
I, personally, didn’t have any trouble adjusting as, having lived in Libya for 18 years, I was already used to their way of living and their culture.
As I said, Qatar is very conservative compared to Dubai, for instance, but also very accepting of western style fashion. Just have common sense and be respectful. Don’t go out wearing a mini skirt and a tight top and no one will bother you. Would you wear a mini skirt and a tight top in Italy to go to church anyway?

IMG_20160116_143329

Se tornassi indietro, lo rifaresti?
Se tornassi indietro risceglierei di vivere in Qatar, anche se l’ansia anticipatoria del trasferimento, il trasloco e le lunghe pratiche burocratiche per trasferire l’intera famiglia da un continente all’altro mi hanno duramente messo alla prova.

Would you do it again, if you could turn back time?
I would most definitely choose to live in Qatar all over again, even though the anticipatory anxiety before moving and the long bureaucratic process to bring the entire family to another continent really tested my patience and my sanity at times.

IMG_20151128_145421

Descrivi questa terra in tre parole
Se dovessi descrivere questa terra in tre parole direi innanzitutto caldo, multietnico ed decisamente affascinante.

Describe this land in just three words.
If I only have three words to describe this land I would say hot, multiethnic and definitely charming.

IMG_20151128_162950

Ti piace vivere lì? A chi consiglieresti questo luogo?
Mi piace vivere in Qatar perché è un’esperienza completamente diversa dalla realtà dalla quale i miei figli provengono e mi sento di consigliarla a tutti coloro che come me amano la cultura araba, ma anche a coloro che non la amano, per svariati motivi: i colori del deserto, che si affaccia sul mare, lo scintillio dei grattacieli di notte, il lusso dei grandi alberghi e gli odori del suq.

Do you like living in Qatar? Who would you recommend this place to?
I do like living in Qatar because it’s a totally different experience than the reality my kids come from and I recommend it to those who love the Arabic culture like I do and to those who don’t, for so many reasons such as the colors of the desert sands meeting the sea, the sparkling lights of the skyline at night, the luxurious hotels and the intoxicating smell of the souq ( the traditional Arab marketplace ) to mention a few.

IMG_20160120_170557

Raccontaci una tua giornata tipo in Qatar.
Essendomi trasferita con due bambini ho deciso il primo anno di dare loro la priorità assoluta, per cui, non lavorando, mi occupo di loro. Li porto a scuola, qui si entra dalle 7:00 alle 7:20 ogni mattina e, non essendoci il tempo pieno, li vado a riprendere alle 13:30. Il traffico a Doha è congestionato a qualsiasi ora e purtroppo si passa molto tempo in macchina. La maggior parte delle famiglie sceglie di vivere nei compound, una sorta di villaggi turistici, piuttosto che nei grattacieli, in quanto i bambini hanno la possibilità di uscire e giocare all’aria aperta o di stare in piscina, grazie al clima particolarmente favorevole. Da Novembre a Maggio le temperature sono ideali per vivere all’aperto, mentre da Maggio a Ottobre è decisamente caldo e a volte è proibitivo uscire.

Describe your typical day in Qatar.
Because I moved here with my children I decided, at least for the first year, to make them my absolute priority so, I’m currently taking care of them full time.
I bring them to school between 7 and 7:20 every morning and pick them up at 1:30pm.
Traffic congestion is an everyday struggle in Doha, therefore we spend a lot of time in the car. The majority of families opt to live in properties on compounds, a type of touristic village, rather than living in an apartment on a tall downtown building because children have the opportunity to go out playing or swimming in the pool, thanks to warm weather year round. From November to May temperatures are ideal for outdoor activities, while summer, from May to October is extremely hot and sometimes it’s prohibited to go out.

Cosa ti manca di più di Roma?
Essenzialmente la famiglia di origine e gli amici, ma fortunatamente abbiamo trovato un gruppo foltito di connazionali e non con i quali trascorriamo il tempo libero e con i quali ci troviamo benissimo.

What do you miss the most about Rome?
I miss my family and friends, but luckily we have found a nice group of expats here with whom we spend a lot of time together and that we love dearly.

Cosa ti riporti indietro dall’Italia in valigia?
Dall’Italia mi riporto i Pan di Stelle, perché qui non ci sono; le forme di parmigiano, perché qui ci sono, ma sono molto costose e il caffè perché anche questo è molto costoso, per il resto c’è un’ampia gamma di scelta di generi alimentari e devo dire che si trova veramente di tutto e di piú.

What do you usually bring back in your suitcase from Italy?
My suitcase is filled with the Pan di Stelle cookies because I can’t find them here and wheels of Parmigiano Reggiano and plenty of coffee because they’re both very pricy. Everything else is available and easy to find here.

 

Cosa hai imparato (o stai imparando) da questa esperienza?
Da questa esperienza sto imparando a vivere in un ambiente multiculturale e multietnico, in cui i miei figli possono giocare con i bambini di tutte le nazionalità. Nel mio residence ci sono bambini francesi, libanesi, giordani, americani, giapponesi, turchi, inglesi, spagnoli e quant’altro. Sto imparando a convivere con una cultura completamente diversa dalla mia, dove ci sono mille sfaccettature diverse che però, se hai un po’ di spirito di adattamento puoi benissimo farle tue e di ogni cose vedere il lato positivo e assimilare una parte della loro cultura.

What have you learned ( or are you learning ) from this experience?
I’m learning how to live in a multicultural and multiethnic environment in which my kids can grow up in, surrounded by other kids from different nationalities. In the village I live in there are kids from France, Lebanon, Jordan, America, Japan, Turkey, England, Spain and so on. I’m trying to adjust to a new culture, it’s different and it can be challenging at times, but if you’re willing to see past your comfort zone you can learn a lot by turning the unknown into something positive that you can make yours and treasure for life.

Grazie davvero Jamila per averci raccontato la tua esperienza e in bocca al lupo!

Thank you so much Jamila for telling us about your experience abroad and good luck with everything.

IMG_20151212_183046_370

Lo so, mi sono dilungata un po’ questa volta, ma come potevo resistere a un argomento così affascinante e poi lei l’ha raccontato così bene, che la mia curiosità avrebbe continuato a interrogarla per ore, ma mi sono trattenuta.
Spero che anche a voi abbia fatto piacere conoscere Jamila.
Chi sarà il prossimo a essere intervistato? In quale altro incantevole luogo andremo? Lo scopriremo prossimamente.
A presto,
Alessandra

I know this was a long one, but how could I resist such an amazing story? And she’s been so great at telling it to us that I wanted to keep going on and on.
Hope you all enjoyed getting to know Jamila better as much as I did.
Who am I going to interview next? In which magnificent place will we land in?
Stick around to find out.
See you next time,

Alessandra

IMG_20151128_145845

Traduzione a cura du Caterina Podda

Translated by Caterina Podda

2 pensieri riguardo “Jamila Frigerio: Una Romana giramondo approdata in Qatar/Jamila Frigerio: A Roman Globe-Trotter Landed In Qatar

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...