Caro capo, sono incinta!

“Ho molto apprezzato la possibilità di avere figli. Penso che non vi sia nulla di più forte. Ma non avevo alcuna intenzione di permettere che la maternità potesse interrompere il mio lavoro di archeologa.”
(Mary Leaky)

Credo che al giorno d’oggi sia non solo un’ingiustizia ma un vero e proprio peccato, dover mettere una donna nella posizione di scegliere se diventare madre o se continuare a lavorare. Si potrebbe pensare che questo non accade più nel nostro secolo, eppure sempre maggiori sono gli episodi di mobbing nel mio Paese d’origine, l’Italia. Ho letto e ascoltato tantissime storie negli ultimi tempi, di amiche, di professioniste, di donne davvero in gamba che hanno scelto di essere (anche) mamme, ma che non hanno potuto, ingiustamente, a mio parere, continure la propria carriera.
Ho pensato che la mia esperienza in America, la mia nuova casa, potesse essere un buon confronto, o anche solo una testimonianza.

IMG_2398

Circa quattro mesi fa ho fatto domanda per una diversa posizione nella società per la quale lavoro da più di cinque anni. Proprio nello stesso periodo ho scoperto di essere in attesa del mio secondo figlio. Non sapevo cosa fare, soprattutto quando mi hanno comunicato che ero stata scelta per quel lavoro. Dopo tutte le varie storie di cui ho letto, mi sono fatta un milione di problemi e ho cercato di tenerlo nascosto al mio nuovo capo e alle mie nuove e vecchie colleghe per tutto il tempo che ho potuto. Dopo dodici settimane, la prima ecografia, e la pancia che ormai era diventata troppo difficile da nascondere, non ce l’ho fatta più a tenerlo per me e ho parlato con il mio capo: “Lo so che non è il migliore dei momenti, lo so che ho appena cominciato, so che poteva essere peggio, un incidente o altro, ma invece… Sono incinta”. Ecco l’ho detto e mi sono sentita immediatamente sollevata, soprattutto quando la sua reazione è stata positiva. Mi ha rassicurato dicendomi che non dovevo preoccuparmi, che sono una donna e ho la facoltà di decidere se avere figli o no, e se lavorare o meno. Il mio capo, che è un uomo, è stato felice per me, così le colleghe. In America la maternità è accolta come una gioia, ma il lavoro ha in un certo qual modo la precedenza, o meglio, la sua importanza. Mi spiego. Probabilmene cambierà di Stato in Stato, ma dove vivo io, in New Jersey, hai solo sei settimane di maternità o se sei “fortunata” come me e lavori per una buona compagnia, anche dodici. E se allatti? Non c’è problema! Per legge devono grantirti una stanza dove tirare il latte. Quando ho sentito questa cosa la prima volta non potevo credere alle mie orecchie! Tre mesi sono davvero pochi, pochissimi, ve lo assicuro. Lo so, perché ci sono già passata con il mio primo figlio. È stata una fatica immane e un dolore immenso doverlo lasciare così piccolo, soprattutto venendo dalla realtà italiana, dove la maternità dura almeno un anno. Posso fare un part-time? No, perché nella compagnia dove lavoro non è prevista questa opzione. E allora, cosa fare? Sarà una mia scelta se continuare a lavorare o no, ma queste sono le condizioni. Prendere o lasciare.

IMG_2397
Alla prossima,
Alessandra

 

 

11 pensieri riguardo “Caro capo, sono incinta!

  1. io ti auguro di poter continuare a lavorare, sei in gamba e riuscirai a conciliare tutto anche questa volta. Considero la maternità una vocazione e l’indipendenza economica una condizione cui io non vorrei mai rinunciare. In bocca al lupo, super mamma 😉

    Mi piace

  2. Grazie per aver riportato la tua esperienza, non immaginavo minimamente che negli States la maternità fosse così breve ! Certo che è pochissimo, e non poter scegliere per il par time è dura con un figlio appena nato … immagino sia una scelta molto difficile, ti auguro di scegliere il meglio per te!! Un abbraccio !! Laura

    Liked by 1 persona

  3. Eccomi! Ieri poi arrivata a casa sono crollata. Tu gia’ sai che la mia esperienza e’ un po’ diversa, ma solo perche’ negli USA e’ davvero tutto minimo e quello che puoi ottenere in piu’ e’ in base ad accordi personali col tuo boss e l’azienda. Io per fortuna faccio un lavoro che si puo’ tranquillamente svolgere da casa per il 90% del tempo, per i meeting utilizzavamo il gotomeeting. Ho amiche che sono tornate a lavoro dopo solo 3 settimane dal parto, per me e’ una follia pura… Io dopo i 3 mesi minimi sono riuscita a stare di piu’ col pupo perche’ lavoravo appunto da casa ma e’ stato davvero faticoso. Lasciarlo al nido a 10 mesi mi e’ sembrato il giusto compromesso. Non so francamente se riusciro’ a fare lo stesso con un eventuale secondo figlio, i costi del child care qui in MA sono proibitivi.

    Mi piace

  4. Hai ragione, siamo ancora all’età della pietra in queste cose. Io ho avuto un capo che mi è sempre venuto incontro, la prima maternità l’ho fatta tutta, la seconda sono rientrata sei mesi dopo il parto e adesso sto usufruendo dell’allattamento facendo 6 ore anziché 8. Probabilmente poi chiederò di fare 7 ore per riuscire a portare e riprendere entrambe le bambine. Non c’è sostegno alla maternità, anzi in Italia se ti licenzi prima dell’anno del bambino ti danno la disoccupazione, come a dire “facci un piacere, levati dai piedi”.
    Bisognerebbe trovare un compromesso, magari anche congedi più brevi (6 mesi anziché un anno) ma più strutture a prezzi accessibili…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...